X Factor 11…. artisti delle semplicità

Seguo X factor da sempre e ogni anno c’è la polemica del favorito, di chi vince, di chi perde, dei complotti e di chi scrive non lo guardo più, è tutto pilotato, le case discografiche decidono chi vince e chi no. Di questa edizione mi è piaciuta l’internazionalità dell’evento, delle scenografie ma soprattutto ho amato la grande intelligenza di Mara Maionchi che ha saputo, sin dall’inizio, creare un percorso ai suoi concorrenti. Sempre coerente e pronta a portare la novità: L’AMORE per la musica senza tralasciare l’unicità dell’identità dei suoi ragazzi. Alla fine vince LICITRA LORENZO, il ragazzo dei musical, il ragazzo della semplicità e scattano subito le mille critiche (Agnelli scrive in twitter: “qualcuno alza un trofeo, qualcun’altro esce con con un disco d’oro”), i mille complotti, i mille misteri del televoto; ma siamo oggettivi: ditemi che novità hanno portato i giovani MANESKIN? due chiappe al vento? un ballo ad un palo? l’arroganza? la sfrontatezza? ma dai sono cose che abbiamo visto e rivisto in ogni momento, ogni secondo della nostra giornata, della nostra carriera. Io non sono un musicista e non voglio giudicare la parte musicale che lascio, ovviamente ad ognuno di noi, ma sono un esteta, un ricercatore del bello ed esso sta nella semplicità, nella perfezione e nell’armonia della sua umanità. Lorenzo ieri ha espresso tutto questo, è stato semplice, umile e mi ha dato voglia di sperare nel futuro. Un futuro che deve abbattere quelle barriere che hanno costruito la volgarità e l’arroganza e  direi anche l’ignoranza. Dobbiamo iniziare a capire che il lavoro, la costanza, la semplicità sono la base per essere migliori e per cambiare davvero questo mondo così carico di banalità e di ignoranza rivolto solo alla massificazione e alla globalizzazione. Iniziamo ad urlare a quella diversità che solo l’intelligenza può dare. Alessandro ha definito X FACTOR “arrogante”, termine ha origine giuridica: l’espressione ad rogare, in latino, indica la richiesta e l’appropriazione di ciò su cui non si possono vantare diritti, mentre nel diritto romano indicava la facoltà di chiedere al popolo e dopo ieri mi chiedo: il popolo ha voglia davvero di cambiare in meglio? Io ci credo e penso che noi Italiani siamo gli unici in grado di portare davvero il nuovo perché siamo artisti della semplicità.

Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

  1. pikaciccio ha detto:

    Bellissimo articolo come lo è xfactor

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...